Come together – Stare in una band

ora che ci sei anche te…formiamo una band!
Elio e le Storie Tese – Il Ritmo della sala prove

Dopo giorni/settimane che non degnavo di uno sguardo la tastiera ho deciso che era ora di scrivere qualcosa.
L’ispirazione mi è arrivata dopo l’ennesima discussione all’interno di uno dei gruppi nei quali milito…tanto per cambiare.

Se suonate, quasi certamente fate parte di un gruppo o di una band, se vogliamo. Mettere in piedi un progetto musicale è sempre una cosa stupenda ma può rivelarsi alquanto sgradevole se non si hanno ben chiare alcune cose.
Quello che voglio fare è raccontarvi, quantomeno provarci, quello che ho vissuto in questi anni da piccolo tenero batterista, sperando che qualche anima pia legga questo post e ne tragga qualche utile consiglio.

Ovviamente mi riferisco ai mitici “gruppi underground”. I professionisti gravitano in altri mondi, con altre dinamiche e altre esperienze. Un giorno vi racconterò qualcosa anche su quello.

Partiamo:

  • Aggiungi un posto a tavola
    Quando si forma un gruppo non sempre si ha la possibilità di scegliere con chi suonare. A volte il progetto nasce da un paio di amici che suonano e decidono di mettere qualche annuncio in giro per recuperare gli elementi mancanti.
    Tralasciando per ora la diversità di fauna che popola il mondo degli annunci, può capitare, a volte, di trovare persone tecnicamente brave ma caratterialmente…meno brave (diciamo). Non è colpa di nessuno però occorre ricordarsi sempre che se la volontà è comune, ci si può venire incontro senza per forza scannarsi ogni volta che si va in sala prove.
    Mi è capitato in passato di scontrarmi con qualche membro ma alla fine ci si beveva sopra una birretta e ci si sedeva piacevolmente tutti quanti allo stesso tavolo. Ovviamente dopo aver appianato le eventuali divergenze ed avere risolto…altrimenti allo stesso tavolo mi ci sedevo con un AK-47.
  • Si rema nella stessa direzione
    Eh già ragazzi. Purtroppo uno dei grandi motivi per il quale i gruppi si sciolgono è proprio questo: occorre remare tutti nella stessa direzione.
    In merito alla mia esperienza posso dire però che non è sempre facile. Tutti noi passiamo periodi dove abbiamo più voglia di fare e altri dove non ci schioderebbero dal divano manco con la dinamite.
    La cosa fondamentale è essere sinceri. Ditelo subito. Prendete i vostri allegri compagni da parte e spiegategli la situazione. Sono sicuro che capiranno (…forse).
    Ovvio che questa “fase di voglia zero” non deve durare in eterno, in quel caso il problema è un altro.
    L’importante è non perdere di vista l’obiettivo comune.
  • Leader si, leader no
    Quante volte vi sarà capitato di dover prendere delle decisioni ? Registrare un album, andare a suonare in qualche locale, fare o meno un booklet fotografico, etc etc. Quanto tempo passato a discutere su ogni cosa ? Quante ore, giorni, passati a dover ripetere tutto quanto a chi non era presente durante la discussione ? Non è meraviglioso ? No, io dico di no.
    Mi sono chiesto in più occasioni se al gruppo occorresse un Leader. Qualcuno che abbia la possibilità di mettere l’ultima parola sulle decisioni da prendere; qualcuno che si interessi nel cercare serate, preventivi per video musicali o che si occupi di fare stampare le copertine dei CD! Questo è un ruolo che più volte mi sono accollato io, un po perché mi piace e un po perché sono masochista.
    Senza dilungarmi oltre vi dico questo: quando si deve decidere qualcosa, occorre informare tutti i membri (soprattutto se bisogna tirare fuori dei soldini). Capita, spesso, che qualche uccel di bosco se ne infischi altamente di ciò che hai da dire e che magari non viene alle “riunioni”  o mentre tu parli sia più interessato a smanettare sui pedalini della chitarra. C’è anche di peggio: il bastian contrario! Colui che non è d’accordo quasi mai; che sostiene sempre che “da altre parti spendiamo meno”. Ho una semplice risposta a questi elementi: avete un’alternativa ? Si o no ? Mi avete ascoltato quando vi ho richiesto attenzione ? Si o no ? Nel caso la risposta sia Si, allora se ne parla ed è giusto (e sacro santo!) confrontarsi (non sempre la mia scelta è quella giusta!). Nel caso la risposta sia No…beh, amico mio, a questo punto se vuoi suonare con me accetterai la mia decisione senza tante storie (sempre nei limiti del possibile, si intende). Brutale ? No. Realista.
    Se l’obiettivo che avete è importante, dovete raggiungerlo insieme. Alcune persone saranno con voi, altre avranno bisogno di qualche scossone. Onestamente il “dobbiamo essere tutti d’accordo” è un modus operandi che non porta da nessuna parte. Sempre che a voi non vada bene così; in questo caso lasciate perdere le ultime righe…

In conclusione voglio aggiungere che mettere insieme 5 (o 4, 6, 8, 32) cervelli non è cosa facile. Essere tutti d’accordo è praticamente impossibile e questo dobbiamo accettarlo…è così. Si deve però essere consapevoli che il mondo è abitato anche da altre persone e che ci si deve convivere, nel bene o nel male.

Mettere in piedi un gruppo è un’avventura che vale la pena di essere vissuta e deve essere una cosa bella! Se vi porta a rattristarvi, a preoccuparvi, a deprimervi lasciate stare! Non è questo ciò che significa suonare insieme.

Suonare insieme vuol dire condivisione, confronto e crescita. Approfittate di chi ha qualcosa di interessante da dire. Cercate di venire incontro a chi passa un momento di difficoltà, magari la prossima volta toccherà a voi! Soprattutto: divertitevi! 

Vi lascio con questa canzone: credo descriva quasi perfettamente ciò che tutti noi poveri musici abbiamo vissuto (e ancora viviamo) in sala prove.

Saluti e baci,
Tullio

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...